Graus Editore su Facebook Graus Edito re su Twitter Graus Editore su Tumblr Graus Editore su Pinterest Graus Editore su Linkedin Graus Editore su Google+ Graus Editore su YouTube
 
Nessun evento disponibile
grauseditore grausproduction grauseventi

titolo Di Rabbia e d'Amuri
autore Antonio Manuel Marco Cascio
collana Tracce
formato 15x21
pagine 112
prezzo 12,00
ISBN 9788883465888
   
 
VIDEO AUDIO WEB CARRELLO CHIUDI

Lui oggi sentiva freddo e a volte non capiva i dialetti trentini, o i “guten morgen” dei controllori sui treni Verona-Brennero, lì a un passo da quel confine che nonno Vincenzo dovette valicare, spinto dalla fame e salvato da “rabbia e d’amuri”.

il libro

Tra le colline della Sicilia, le valli di Trento, gli scorci della Napoli campana, il vento del Salento e i panorami della Calabria prende forma la storia di Salvatore, giovane siciliano che si allontana dalla sua terra per studiare in Italia settentrionale.
I sacrifici e le rinunce del ragazzo offrono uno squarcio di quel dolore che, come l’infinito richiamo di una voce lontana, tormenta l’animo del “forestiero”, in cui la passione per la propria terra e l’amore per la donna che sembra raccogliere in sé tutta la bellezza scovata nel mondo si scontrano in maniera irreversibile.
Antonio Manuel Marco Cascio firma un romanzo di dolore, di passione, di speranza e di nostalgia. Attraverso l’intreccio di vite che si susseguono e che si affannano a riscrivere una storia forse già scritta, aiuta ad aprire la mente e il cuore all’imprevedibilità della vita e conduce il lettore a interrogarsi sulla possibilità del libero arbitrio e sulla forza travolgente dei sentimenti.

l'autore

Antonio Manuel Marco Cascio nasce alle pendici del Monte Erice, il 16 dicembre del 1985, con i sogni tra le nuvole e gli occhi inondati di mare. L’infanzia e l’adolescenza trascorse fra i vicoli di Alcamo fra pallone e studio. Poi a vent’anni, come tanti, lascia il Meridione per cercare studio, lavoro e fortuna sui monti di Trento, dove si laurea in Radiologia.
Negli ultimi anni ha vissuto in Toscana, Irlanda e Veneto, lavorando, viaggiando e scrivendo, senza mai dimenticare le proprie radici. Dopo dieci anni d’esilio, come un Ulisse a metà, è tornato sulla sua Isola amata con un carico di esperienze, tramonti, occhi di donna, titoli e pubblicazioni.  Crede che sia difficile partire, ma sia ancor più complicato restare o tornare e lottare per questa Terra, che, come disse Paolo Borsellino: “Un giorno sarà bellissima”.    



rassegna stampa
Nessun articolo presente